lunedì 21 giugno 2010

Il Flash Crash del Gas Naturale

Condividi

(post rielaborato da un idea di Zero Hedge)
Chi ha ucciso il Gas Naturale? Semplice lo ha ucciso il mercato dopo che i dati macro hanno continuato imperterriti a segnalare livelli record di accumulo delle scorte nonostante un inizio di estate caldissimo (con i condizionatori a palla...) e un mix di produzione dell'energia elettrica che ha cominciato a spostarsi verso il Gas Naturale in sostituzione del Carbone.

Ma facciamo un passo indietro, 10 giorni  fa il Gas Naturale valeva circa 4,6$ per Mbtu, po i prezzi sono saliti del 15% in una corsa senza interruzioni, le ragioni di tale comportamento Rischio Calcolato le ha spiegate (prima che si verificassero..... ) in questo post . In sintesi si era verificata una enorme condizione di over-short, per cui è bastato anche il solo sospetto che un evento esogeno potesse cambiare le carte in tavola per dare il via ad una folle corsa al rialzo fatta di coperture e paura ( gli americani chiamano questa situazione climbing a wall of fear).
Di eventi esogeni ne sono accaduti ben 3, l'estate calda, la paura di chiusure di piattaforme nel Golfo del Messico ed infine 2 gigantesche esplosioni che hanno interessato altrettante pipeline di gas naturale.

Però.... ogni santo giovedì alle ore 16.30 (Italiane) l'EIA, l'ente regolatore per l'energia americano certificava che il Gas Naturale veniva stoccato sempre a livelli record anche se leggermente meno delle stime. Il risultato è stato che spennati gli ultimi polli dalle mani deboli il prezzo del Gas Naturale ha ripreso a correre al ribasso, Rischio Calcolato ritiene che per un eventuale ingresso long sia necessario aspettare un prezzo di almeno 4,4$ per Mbtu (e sottolineiamo almeno).


http://www.wikio.it
Share |

0 commenti:

Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP