mercoledì 28 luglio 2010

Main Street vs. Wall Street

Condividi

Questo luglio 2010 verrà ricordato come il mese in cui i dati macroeconomici (Main Street) e l'andamento degli indici di borsa e dei dati societari di borsa (Wall Street) hanno mostrato una delle più clamorose divergenze che si ricordino.
Tutti i leading indicator ad es: Ecri, Consumer metrix, tasso di disoccupazione, mercato immobiliare e altri indicatori minori (come ad esempio il Baltic Dry Index) hanno puntato decisamente al ribasso fino a livelli da recessione conclamata (ma ci siamo mai veramente usciti?) contemoporaneamente le borse che fanno?
Volano! E I dati societari? Le grandi società  Europee e Americane battono quasi invariabilmente (e di molto) le stime.

Cosa Succede?

Una buona spiegazione la da oggi  Il Grande Bluff : Ormai del consumatore Americano non .............. a nessuno!, la tesi è in sostanza che  le grandi corporation USA, dopo avere tagliato posti di lavoro e costi in USA,  stanno facendo più del 50% dei profitti fuori dagli Stati Uniti, e i numeri di Wall Street sarebbero generati in gran parte dalle economie emergenti.

Per Rischio Calcolato, questo è vero (anzi sacrosanto), il trend di ribilanciamento del potere di acquisto fra economie sviluppate e emergenti è una tendenza secolare inarrestabile. Vorremmo solo aggiungere che rimane ancora un forte link tra Main Street e Wall Street, un dato macroeconomico che si ostina ancora a puntare verso l'alto.
Stiamo parlando della spesa per consumi Americana. Ecco un Grafico recente:
Ed ecco un grafico della spesa per consumi storica:
Come si può vedere il livello della spesa dei consumatori USA è tornato sui massimi, 9,3 Triliardi di dollari all'anno!!

Per concludere non è sufficiente affermare che le imprese USA fanno profitti (dopo avere tagliato costi e posti di lavoro) esportando all'estero. Si deve notare come i consumatori americani non abbiano ancora esaurito le risorse per difendere il proprio american way of life. Quindi occhio alla spesa per i consumi nei prossimi mesi. A questo proposito sempre (il solito...) BeatoTrader de il Grande Bluff ha dedicato un post illuminante (basta solo l'immagine..).: http://www.ilgrandebluff.info/2010/07/consumi-inesauribili-made-in-usa.html.




http://www.wikio.it
Share |

2 commenti:

Anonimo,  28 luglio 2010 13:49  

leggiti con attenzione anche questo
http://www.ilgrandebluff.info/2010/07/consumi-inesauribili-made-in-usa.html

e ti farai un quadro più completo...
Vedrai che NON ho trascurato nulla...;-)

E non capisco dove hai beccato i dati che citi sui consumi usa
Siamo sotto del 4-5% dai picchi
anche se come sostengo da tempo è comunque una tenuta prodigiosa
Ma le ragioni le trovi nel mio articolo sopracitato

Ciaooo
Stefano Bassi

FunnyKing 28 luglio 2010 14:49  

metto subito il link, i dati li trovi su un sito prodigioso, www.data360.0rg

Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP