martedì 28 settembre 2010

La borsa americana nel 2010 e nel 2011 secondo Goldman Sachs

Condividi

Goldman Sachs ha appena rilasciato un report in cui indica i diversi livelli dell'indice S&P500 per l'anno 2011 a seconda di vari scenari, Good case, Central case e Bad Case:
In questa immagine ecco la descrizione degli scenari:
Le  cinque variabili che determinano i 3 scenari sono (dall'alto verso il basso): 1)Variazione reale del PIL (deflazionata), 2) tasso ufficiale di sconto, 3) rendimento reale dei T-bond a 10 anni alla fine del 2011, 4)Inflazione Core media nel 2011*, 5) Inflazione media nel 2011
*L'inflazione core è quella che non considera i prezzi di energia e cibo (wiki)

Definiti gli scenari ecco come Goldman Sachs prevede gli intervalli nei quali dovrebbe trovarsi l'indice S&P500 alla fine dell'anno 2010 e alla fine dell'anno 2011:

Per la fine del 2010 abbiamo un range che va dai 760 a 1330, francamente non ci voleva molto a fare una previsione del genere ma quanto meno abbiamo uno schema da seguire a seconda dei vari scenari. Per ora per il  2010 siamo in quello di centro per quello che riguarda i fondamentali economici e nello scenario migliori per quello che riguarda le stime degli utili societari.

Rischio Calcolato riproporrà periodicamente queste tabelle in occasione dei dati che riguarderanno PIL e Inflazione reale USA.

fonte: ZeroHedge


http://www.wikio.it
Share |

0 commenti:

Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP