venerdì 26 novembre 2010

Usciti i dati dell'import export italiano verso i paesi extra cee nei primi 10 mesi dell'anno: luci ed ombre

Condividi


Il 19 novembre l’ISTAT ha diffuso una stima sul commercio italiano da e verso i paesi extra cee.

Da questo desumiamo come, nell’ottobre 2010 le esportazioni siano aumentate, rispetto all’ ottobre 2009, del 21,9%, dato positivo, ma inferiore rispetto a quello negativo dell’import, a sua volta aumentato, nello stesso periodo, del 32%.

Ci troviamo, quindi, a fare i conti, in questo mese, con un disavanzo pari a 1.002 milioni di euro.
Se prendiamo il periodo che va da gennaio ad ottobre la situazione va nella stessa direzione ed è, anzi, accentuata (i primi mesi del 2010 non si potevano certo definire floridi).

Comunque, l’export de i primi dieci mesi del 2010 è aumentato del 15,9%, l’import del 27,1%. Il deficit commerciale è stato, in questi dieci mesi, di 16.953 milioni di euro (rispetto ai 4.383 milioni di euro dello stesso periodo del 2009).

Attenzione, però, che il disavanzo è dovuto a spese riconducibili all’energia. Se le togliamo dal conto ci troviamo, infatti, con un avanzo di 24.254 milioni di euro!!! Una bella sommetta anche se inferiore a quella dello stesso periodo nell’anno precedente (più 29.961 milioni di euro) (in 10 mesi).

Rischio calcolato invita a confrontare le cifre del surplus commerciale al netto dall’energia:
  • La manovra irlandese che si teme porti al baratro quel paese è di 15 miliardi
  • Il costo dell’EPR da 1600 MW elettrico (il reattore europeo di III Generazione fornito dalla franco-tedesca Areva) viene valutato attualmente, nei paesi occidentali, da 4 a 4,5 miliardi di euro (in Italia aumentiamo, magari raddoppiando pure).
Ricordo anzi che Rischio Calcolato sta invitando tutti i suoi lettori a fare una piccola donazione per questo progetto (nel quale non ha alcun interesse se non quello di contribuire a qualcosa che potrebbe migliorare il futuro di tutti). Se vi interessa, trovate il link nella home page.

per finire, purtroppo, una nota di pessimismo: da quanto si sente e vede in giro, Rischio Calcolato teme che novembre e dicembre saranno mesi in cui la situazione peggiorerà.
Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!


http://www.wikio.it
Share |

0 commenti:

Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP