mercoledì 15 dicembre 2010

In borsa e' finita la festa.

Condividi

Per una volta Rischio Calcolato azzarda una previsione sugli indici azionari: vaticinare il futuro di un mercato comunista come quello azionario è roba per strateghi di geopolitica e analisti tecnici di alto livello (come Michele Bernasconi...) noi, nel nostro piccolo cerchiamo di imbastire un  ragionamento che, siamo sicuri, verrà spazzato via dalla realtà in poche settimane (anzi in poche ore), ma tant'è... portate pazienza..

In borsa è finita la festa, anzi è quasi finita, gli ultimi botti e brindisi si spegneranno questo venerdi' in occasione delle scadenze tecniche di dicembre poi il baratro!

Stendiamo per un attimo un velo pietoso sul nostro indice azionario infarcito di banche e assicurazioni sovra esposte alle bizze dei debiti sovrani periferici e di aziende poco competitive (come mai Barilla e Ferrero non sono quotate?).

Le stelle polari che guidano gli indici azionari del mondo occidentale sono il Dax e l'indice S&P 500 entrambi ai massimi. Le borse asiatiche hanno una vita propria e sono più utili per essere utilizzate come leading indicator delle tendenze economiche globali che per predire il futuro delle borse occidentali.

Per Rischio Calcolato quelli di questi giorni sono massimi di periodo molto significativi (DAX e S&P500), prezzi che potremmo non vedere più per lungo tempo ecco il perché:

  • Stiamo assistendo ad un rialzo poderoso dei rendimenti delle obbligazioni definite come "safe heaven" (sicure), sia il BUND che i T-Bond a 10 e 30 anni hanno visto in poche settimane aumenti del rendimento da 40bps a 90bps tanto da ri-iniziare a diventare nuovamente interessanti come sostituti delle azioni.
  •  Le commodities che contano per l'industria mondiale, ovvero Rame, Acciaio, Petrolio, Zinco, Platino sono tutte contemporanemante su massimi assoluti o relativi pur in presenza di livelli di domanda di prodotti finiti ben al di sotto dei livelli raggiunti nel 2008. L'industria non riesce a scaricare l'aumento dei costi sui consumatori occidentali a causa di una situazione di deflazione (da debito)  e da una perdurante sovracapacità produttiva.
  • Il problema del debito pubblico e privato è stato solo parzialmente affrontato in Europa (e meno male) e per nulla negli Stati Uniti, ulteriori tensioni sui tassi, tagli forzati a spesa pubblica e privata e veri e propri default dreneranno inesorabilmente altre risorse all'economia reale, in altre parole la deflazione da debito è solo appena cominciata.
  • Le tensioni sociali in Europa (aspettando gli USA) incidono con pesanti scioperi sull'economia, lo specchio di questa affermazione è la Grecia dove è stato misurato, per il 2010 un impatto sul solo turismo di -8% a causa degli stop imposti da benzinai, camionisti, ferrovieri e aereoportuali.
Per tutte queste ragioni Rischio Calcolato si azzarda a prevedere un nuovo pesante inverno per i corsi azionari, una sostanziale tenuta delle commodities e un lieve ma significativo rialzo generalizzato dei tassi di interesse del debito sovrano e privato.

I massimi azionari di questi giorni SONO i massimi relativi! (buuum, l'abbiamo sparata grossa! Ma ogni tanto ci vuole)

Buon Trading a tutti e non seguite queste opinioni personali che in nessuna maniera sono consigli di investimento.
Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!


http://www.wikio.it
Share |

6 commenti:

Anonimo,  15 dicembre 2010 12:08  

e invece le tue previsioni le seguo e compro un bel pò di etf al ribasso....:)
Grazie dell'ottimo lavoro.

FunnyKing 15 dicembre 2010 12:25  

Anonimo, occhio che questi sono mercati azionari comunisti! con la longa manu degli stati in agguato. Io ho posto alcune questioni reali e per una volta ho azzardato un opinione personale. Come ho già scritto il "cheat" della mano pubblica e delle banche centrali rende le cose moplto più complesse. Nel lungo periodo so di avere lagione, ma nel lungo periodo siamo tutti morti.

sakura 16 dicembre 2010 01:00  

Hi funnyKING
Contento di questa "sparata", ogni tanto un po' di coraggio non guasta! Ho etfs xBEAR da un paio di mesi e non li ho mai venduti, avido di vederli crescere (forse troppo avido...). Vediamo come funziona la tua sfera di cristallo e poi ne riparliamo.

Commodities, cosa ne pensi del GAS? La bestia scende misteriosamente, malgrado freddo polare negli USA...Quali sono i tuoi pensieri sul GAS???????Grazie

Anonimo,  17 dicembre 2010 16:57  

....sei un profeta!

Anonimo,  21 dicembre 2010 17:05  

baratro?Forse intendevi rally....... Giusto?

Anonimo,  21 dicembre 2010 17:13  

se la borsa sale è colpa dei comunisti (povero Marx, questa non se la aspettava...). Si sa son peggio di Satana i compagni. Fa te che ho preso in pizzeria una 4stagioni l'altra sera e non era proprio un granché. Cosa vengo a sapere? Il pizzaiolo era un comunista! Questo rally è evidentemente un baratro comunista! La Borsa Italiana è in mano a Stalin e Lenin che la fanno volare....Dai scherzo era per fare due risate. :)))

Basta poco per sostenere Rischio Calcolato, sottoscrivi il feed oppure investi 2 minuti del tuo tempo cliccando su questo link... Grazie!

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP